Capire la crawlability nella SEO: una guida dettagliata in 10 punti

dal nostro Agenzia SEO Ottimizzare 360

Gestibilità


La strisciabilità è un termine spesso citato nel campo dell'ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO), ma cosa significa esattamente?

In parole povere, la crawlability si riferisce alla capacità di un robot del motore di ricerca, come Googlebot, di scorrere e indicizzare in modo efficiente un sito web.

In questo articolo analizziamo più da vicino questo concetto, affrontando dieci punti chiave.

Gestibilità

1. I robot dei motori di ricerca e il loro ruolo

I robot (noti anche come spider o crawler) sono programmi automatici utilizzati dai motori di ricerca per sfogliare, analizzare e indicizzare le pagine dei siti web. Il loro scopo principale è scoprire nuove pagine e aggiornare l'indice del motore di ricerca in base alle modifiche e alle nuove funzionalità dei siti esistenti.

2. L'importanza della crawlability per la SEO

Una buona crawlabilità consente ai motori di ricerca di trovare e indicizzare le pagine del vostro sito web in modo rapido ed efficiente. In questo modo è più facile per loro comprendere i contenuti e classificarli correttamente. In altre parole, una scarsa crawlabilità può portare a un'indicizzazione incompleta o errata del vostro sito web, limitandone la visibilità nei risultati di ricerca.

3. Gli elementi chiave della crawlabilità di un sito web

Ci sono diversi fattori che possono influenzare la crawlabilità di un sito web. In primo luogo, la struttura del sito e la facilità con cui un robot può navigare tra le diverse pagine.

a) La struttura dei link interni

Il modo in cui i link interni sono collegati tra loro, in particolare la profondità della struttura ad albero (numero di clic per raggiungere una pagina dalla home page), gioca un ruolo essenziale nella capacità dei robot di esplorare il vostro sito. Una buona struttura di link interni facilita la scoperta delle pagine da parte dei robot e garantisce una distribuzione più equilibrata dell'autorità SEO (il famoso "link juice").

b) I file robots.txt e sitemap.xml

Questi due file hanno funzioni specifiche nel processo di crawling:
- Il file robots.txt consente di dare istruzioni ai robot su quali sezioni o pagine del sito possono o non possono esplorare e indicizzare. È importante configurare correttamente questo file per evitare di bloccare accidentalmente contenuti importanti;
- Il file Mappa del sito.xmlFornisce ai motori di ricerca un elenco organizzato e strutturato di tutte le URL sul vostro sito. In questo modo è molto più facile per i robot effettuare il crawling del sito.

4. Ottimizzare la velocità di caricamento delle pagine

Gli spider dei motori di ricerca hanno a disposizione un tempo limitato per crawler ogni sito, chiamato "crawl budget". Se le pagine richiedono molto tempo per essere caricate, i robot saranno meno in grado di esplorare l'intero sito nel tempo a disposizione. È quindi fondamentale migliorare il velocità di caricamento delle vostre pagine ottimizzando vari elementi come la compressione delle immagini, l'uso di un sistema di cache o la minificazione dei file. CSS e JavaScript.

5. Garantire la qualità dei contenuti

I motori di ricerca cercano di indicizzare contenuti di qualità, pertinenti e utili per gli utenti. Pubblicate regolarmente articoli originali, informativi e ben strutturati sul vostro sito per incoraggiare i crawler a tornare spesso a esplorare il vostro sito e migliorarne così l'indicizzazione.

6. Rendere il sito mobile-friendly

Con l'avvento di smartphone e tablet, i motori di ricerca attribuiscono sempre più importanza alla "user experience".esperienza dell'utente sui dispositivi mobili. Un sito responsive, che si adatta correttamente a tutte le dimensioni dello schermo, consentirà anche agli spider di accedere facilmente a tutti i vostri contenuti, migliorando così la crawlability.

7. Utilizzare tag SEO pertinenti

Il meta tagI tag, come i tag title, description o keywords, forniscono ai motori di ricerca informazioni sul contenuto delle vostre pagine. Assicuratevi di ottimizzare questi tag per ogni pagina del vostro sito e di non utilizzare termini duplicati o troppo generici. In questo modo sarà più facile per i robot capire i vostri contenuti e indicizzarli.

8. Evitare l'occultamento

Le occultamento è una tecnica proibita che consiste nel presentare agli spider dei motori di ricerca contenuti diversi da quelli del motore di ricerca. visibile dagli utenti, con l'obiettivo di manipolare le classifiche. I motori di ricerca penalizzano fortemente questa pratica, che danneggia sia la crawlabilità che il posizionamento del sito.

9. Controllo e correzione degli errori di esplorazione

È importante monitorare regolarmente gli errori di crawl segnalati dai motori di ricerca, in particolare utilizzando gli strumenti di Google. Console di ricerca o Bing Strumenti per i Webmaster. Questi errori possono includere pagine non trovate (Errore 404), problemi di accesso a risorse bloccate o reindirizzamenti errati (errore 301/302). La correzione di questi problemi migliorerà la crawlabilità del sito.

10. Test di crawlability con strumenti online

Sono disponibili diversi strumenti online gratuiti per verificare rapidamente la crawlabilità del vostro sito web, come ad esempio Rana urlanteXenu's Link Sleuth e DeepCrawl. Identificando i potenziali ostacoli all'esplorazione del vostro sito, questi strumenti vi aiuteranno a ottimizzare la sua crawlabilità e, di conseguenza, il suo referenziamento naturale.

In breve, la crawlability è un fattore essenziale da tenere in considerazione in qualsiasi strategia SEO. Seguendo i consigli forniti in questo articolo, potrete ottimizzare la capacità dei motori di ricerca di scansionare e indicizzare correttamente il vostro sito web, migliorandone la visibilità e il posizionamento nei risultati di ricerca.

blank Acceleratore di prestazioni digitali per le PMI

ContattoAppuntamenti

it_ITIT