Comprendere il rendering DOM in 10 punti

Attraverso il nostro Agenzia SEO Ottimizzare 360

DOM Rendering


Il DOM (Modello a oggetti del documento) è un concetto chiave per capire come funzionano le pagine web e come vengono resi i contenuti.

Questo articolo spiega il DOM Rendering e la sua importanza nella creazione di siti web ad alte prestazioni.

Rendering DOM

1. Che cos'è il DOM?

Le DOM è un'interfaccia di programmazione (API) che rappresenta la struttura di una pagina web sotto forma di un albero composto da nodi, corrispondenti agli elementi HTML della pagina. Ogni nodo è un oggetto con proprietà e metodi per manipolare questi elementi e i loro attributi.

Definire il contenuto di una pagina web

Con il DOMCiò consente agli sviluppatori di creare interazioni dinamiche tra gli elementi della pagina e le azioni dell'utente. Gli sviluppatori possono quindi creare interazioni dinamiche tra gli elementi della pagina e le azioni dell'utente, come l'aggiunta o la cancellazione di elementi, la modifica di attributi e stili o la gestione di eventi come i clic o i movimenti del mouse.

2. Come funziona il rendering DOM?

Il processo di Rendering DOM si svolge in diverse fasi:

  1. Caricamento del documento HTML: Il browser legge e analizza il codice sorgente HTML della pagina web e ne crea una rappresentazione in memoria sotto forma di albero DOM.
  2. Costruire l'albero di rendering: il browser crea un altro albero chiamato "albero di rendering", che è una rappresentazione più concreta del documento, compresi gli elementi di stile (CSS) e le dimensioni dell'oggetto.
  3. Pittura: L'immagine finale viene disegnata sullo schermo seguendo l'albero di rendering, strato per strato.

Importanza dell'ottimizzazione del rendering DOM

Il processo di Rendering DOM può essere ottimizzato per migliorare la reattività e le prestazioni di una pagina web. Le tecniche di ottimizzazione utilizzate di frequente includono :

  • Ridurre il numero di elementi DOM e la profondità dell'albero.
  • Utilizzare metodi di aggiornamento del DOM efficienti ed evitare modifiche non necessarie.
  • Evitare o ridurre al minimo le manipolazioni forzate dell'albero di rendering, note anche come "reflow".

3. I diversi tipi di nodo nel DOM

Esistono diversi tipi di nodi nel DOMtra cui :

  • Nodi di elementi, che corrispondono a tag HTML.
  • Nodi di testo, che contengono il contenuto testuale degli elementi.
  • Nodi attributo, che rappresentano gli attributi degli elementi (ad esempio, l'attributo "src" di un'immagine).

4. Relazioni tra i nodi: genitore, figlio e fratello

I nodi del sistema DOM sono collegati tra loro da relazioni genitore-figlio o fratello, facilitando la navigazione nell'albero del DOM:

  • Un nodo genitore è un elemento che contiene altri elementi.
  • Un nodo figlio è un elemento contenuto in un altro elemento.
  • Due nodi sono fratelli se sono entrambi figli dello stesso nodo genitore.

5. Manipolazione del DOM con JavaScript

La lingua JavaScript offre un'ampia gamma di metodi e proprietà per interagire con l'ambiente di lavoro. DOM e modificare dinamicamente il contenuto e la presentazione delle pagine web. Le operazioni più comuni includono :

  • Selezionare gli articoli.
  • Creare, aggiungere, eliminare o sostituire elementi e attributi.
  • Modificare il contenuto e gli stili degli elementi.
  • Gestire gli eventi e la loro propagazione.

6. Selezione di elementi con il DOM

In JavaScript sono disponibili diversi metodi di selezione degli elementi per accedere facilmente agli oggetti DOM :

  • getElementById(): seleziona un elemento in base al suo identificatore (attributo "id").
  • querySelectorAll() e querySelector(): selezionano elementi utilizzando la sintassi dei selettori CSS.
  • Le proprietà parentNode, firstChild, lastChild, previousSibling e nextSibling consentono la navigazione nell'albero DOM a partire da un determinato nodo.

7. Creare e aggiungere elementi al DOM

Per creare e inserire un nuovo elemento nel file DOMsi possono usare i metodi createElement(), createTextNode() e appendChild():

  1. Creazione di un nuovo oggetto DOM corrispondente all'elemento desiderato tramite createElement().
  2. Definire gli attributi e il contenuto del testo dell'elemento con createTextNode().
  3. L'elemento viene aggiunto all'albero DOM nella posizione desiderata, utilizzando appendChild().

8. Eliminazione o sostituzione di elementi DOM

Gli elementi possono anche essere rimossi e sostituiti utilizzando i metodi removeChild() e replaceChild():

  • removeChild(): rimuove un elemento dall'albero DOM, liberando così la memoria associata.
  • replaceChild(): sostituisce un elemento esistente con un altro elemento creato in precedenza.

9. Modificare stili e classi con il DOM

Oggetti DOM sono usati per accedere alle proprietà di stile (_style_) e all'elenco delle classi (_classList_) degli elementi, per modificarne dinamicamente la presentazione:

  • Lo stile di un elemento può essere modificato definendo un nuovo valore per una determinata proprietà o aggiungendo un'intera regola di stile.
  • L'elenco delle classi fornisce metodi per aggiungere, eliminare, scambiare o verificare la presenza di una classe CSS su un elemento.

10. Gestione degli eventi DOM e loro propagazione

Le interazioni tra gli utenti e le pagine web sono spesso basate su Eventi DOMeventi, come i clic, i movimenti del mouse, i colpi di tastiera, ecc. Per gestire questi eventi, è possibile :

  • Collegare gli ascoltatori di eventi agli elementi interessati, che attiveranno una funzione specifica quando si verifica un evento.
  • Controllare la propagazione degli eventi, ad esempio interrompendo la trasmissione di un evento ai suoi antenati (metodo _stopPropagation()_).

Di conseguenza, il Rendering DOM è un concetto essenziale per la creazione di siti web interattivi e ad alte prestazioni. Comprenderlo e padroneggiarlo è essenziale per qualsiasi sviluppatore web che desideri creare pagine web dinamiche e adatte alle esigenze degli utenti.

blank Acceleratore di prestazioni digitali per le PMI

ContattoAppuntamenti

it_ITIT