Comprendere le risorse di blocco del rendering nella SEO: una guida in 10 punti

Attraverso il nostro Agenzia SEO Ottimizzare 360
Che cos'è il blocco del rendering delle risorse nella SEO?

Il termine "Risorse di blocco del rendering" si riferisce a elementi che ritardano la visualizzazione di un file sito web.

Quando si parla di SEO, è essenziale ottimizzare queste risorse per migliorare le prestazioni e la visibilità.esperienza dell'utente.

Vediamo quindi i 10 punti chiave da conoscere su questo argomento.

Risorse per il blocco del rendering

1. Che cos'è il blocco del rendering?

Le blocco del rendering si verifica quando alcune risorse (script, file CSS o altri) bloccano la visualizzazione rapida di una pagina web. Queste risorse impediscono al browser di eseguire il rendering del contenuto, aumentando così il tempo di caricamento complessivo.

2. Le principali risorse interessate

I principali colpevoli del rendering bloccato sono i file JavaScript e CSS. Questi contengono generalmente funzioni o layout che devono essere elaborati dal browser prima che il resto del contenuto venga visualizzato.

a. JavaScript

Gli script JavaScript sono utilizzati per aggiungere funzionalità interattive a un sito web, come animazioni, moduli e menu a discesa. Quando questi script vengono posizionati nella parte superiore della pagina, possono generare blocco del renderingperché il browser deve eseguirli prima di continuare il caricamento.

b. CSS

I fogli di stile CSS determinano l'aspetto di un sito, compresi il design, i colori e il layout. I browser devono anche elaborare questi file prima di visualizzare il contenuto completo, il che può causare il blocco del rendering se il sito è mal ottimizzato.

3. Perché questo è un problema per la SEO?

Le tempo di caricamento della pagina web ha un impatto significativo sull'esperienza dell'utente ed è un criterio essenziale per i motori di ricerca come Google. Tempi di caricamento lenti possono portare a un calo della soddisfazione dei visitatori e quindi a una potenziale perdita di traffico e di posizionamento nei risultati di ricerca.

4. Come si identificano le risorse che bloccano il rendering?

Esistono diversi strumenti e metodi per individuare le risorse bloccanti sul vostro sito:

  • Faro dell'audit disponibile nei DevTools di Google Chrome, fornisce un rapporto dettagliato sui problemi di prestazioni, compreso il blocco del rendering.
  • Approfondimenti di Pagespeed Questo strumento online gratuito di Google vi dirà anche quali sono gli aspetti da ottimizzare per ridurre il blocco del rendering.
  • GTMetrix Un altro popolare strumento online per analizzare le prestazioni del sito, con una sezione dedicata al blocco del rendering.

5. Ottimizzazione degli script JavaScript

a. Eliminazione del codice non necessario

Per ridurre l'impatto di JavaScript sulle prestazioni, ricordarsi di eliminare il codice inutilizzato e di sottile i file eliminando gli spazi e i commenti non necessari.

b. Spostamento degli script in fondo alla pagina

Si consiglia di posizionare gli script JS non essenziali in fondo alla pagina per evitare che blocchino il rendering dei contenuti. In questo modo, il browser avrà già caricato gran parte del sito prima di eseguire questi script.

c. Utilizzando l'attributo "defer" o "async".

Aggiungere gli attributi "defer" o "async" ai tag script, a seconda dei casi, in modo che il browser possa elaborare il file durante il caricamento della pagina senza bloccare il rendering:

  • Async : lo script verrà eseguito parallelamente al caricamento, ma potrebbe disturbare il rendering se viene eseguito prima del completamento del caricamento.
  • Rinviare : il browser torna all'esecuzione dello script solo dopo che il contenuto è stato completamente caricato.

6. Ottimizzazione dei file CSS

a. Eliminazione degli stili inutilizzati

Per ottimizzare i file CSS, è importante ripulire il codice eliminando le regole superflue o inutilizzate. Riducete al minimo i file CSS per aumentare le prestazioni.

b. Integrare gli stili critici nel codice HTML

Gli stili critici sono quelli necessari per la visualizzazione della prima parte visibile della pagina (prima che l'utente scorra). Per velocizzare la visualizzazione, incorporare questi stili direttamente nel file codice HTMLpiuttosto che richiamarli da un file esterno.

7. Utilizzare le risorse online per scoprire altre opzioni di ottimizzazione

Esistono numerose guide, articoli e forum online che possono aiutarvi a saperne di più sull'ottimizzazione del blocco del rendering e a migliorare ulteriormente le prestazioni del vostro sito web.

8. Combinare i file per ridurre le richieste HTTP

Un altro aspetto è quello di combinare il più possibile i file CSS e JS per ridurre il numero totale di richieste HTTP, il che avrà un impatto positivo sulle prestazioni.

9. Gestione di una rete di consegna dei contenuti (CDN)

Il CDN sono utilizzati per accelerare la consegna dei file (immagini, script, font, ecc.) ai visitatori affidandosi a un'infrastruttura di rete globale. L'utilizzo di un CDN può ridurre significativamente il tempo di caricamento del sito.

10. Osservare i risultati con misurazioni successive

Infine, convalidate l'efficacia delle vostre ottimizzazioni monitorando regolarmente gli indicatori chiave relativi alle prestazioni del vostro sito, come il tempo di caricamento o la percentuale di visite. conversioneper identificare le aree di miglioramento.

In breve, l'ottimizzazione Risorse per il blocco del rendering è un aspetto cruciale della SEO per garantire un'esperienza utente soddisfacente e migliorare il posizionamento del sito sui motori di ricerca. Mettendo in pratica i consigli presentati in questa guida in 10 passi, sarete sulla buona strada per ottimizzare le risorse di rendering e aumentare le prestazioni complessive del vostro sito web.

blank Acceleratore di prestazioni digitali per le PMI

ContattoAppuntamenti

it_ITIT