KPI SEO: definizione

dal nostro Agenzia SEO Ottimizzare 360

KPI SEO :


KPI, dashboard e strumenti SEO sono ovviamente necessari per valutare le prestazioni delle azioni SEO implementate e i risultati delle vostre posizioni nelle SERP. Google.

Sia in SEO tecnico, SEO semantico o in Collegamento in retenostro Agenzia SEO Ottimizzare 360 Qui troverete i punti principali, in modo che possiate conoscerli e utilizzarli.

In caso contrario, i nostri team SEO sono a disposizione per aiutarvi a costruirli e analizzarli.

Comprensione dei KPI, degli strumenti e delle dashboard SEO

Per garantire il successo di un sito web, è essenziale impostare una strategia di ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO).Kpis in SEO

Il monitoraggio dei dati generati da questa strategia, attraverso un cruscotto e dei KPI, è essenziale per il miglioramento continuo dei risultati.

Scoprite qui come questi elementi influenzano le prestazioni del vostro sito.

Cosa sono i KPI SEO?

Un KPI, o Indicatore chiave di prestazione (ICP) è un valore misurabile che può essere utilizzato per monitorare l'efficacia di una strategia SEO. In altre parole, si tratta di uno strumento che aiuta a determinare se le vostre azioni di referenziazione naturale stanno dando i loro frutti.

Esempi di importanti KPI SEO:

  • Traffico organico: Il numero di visitatori che accedono al vostro sito web tramite i motori di ricerca.
  • Posizionamento delle parole chiave: La posizione del vostro sito web nei risultati di ricerca per parole chiave specifiche.
  • Frequenza di rimbalzo: La percentuale di visitatori che abbandonano il vostro sito web dopo aver visualizzato una singola pagina.
  • Tasso di conversione: La percentuale di visitatori che compiono un'azione desiderata sul vostro sito web, come la compilazione di un modulo o l'acquisto di un prodotto.

Tracciando regolarmente i vostri KPI SEO, potete :

  • Identificare i punti di forza e di debolezza della vostra strategia SEO.
  • Regolate le vostre azioni di conseguenza per migliorare le vostre prestazioni.
  • Misurare l'impatto dei vostri sforzi SEO sul traffico e sulle conversioni.

È importante scegliere i giusti KPI SEO da monitorare, in base ai vostri obiettivi specifici. Ad esempio, se il vostro obiettivo principale è aumentare il traffico organico, dovrete co

I 10 principali KPI SEO

1. Traffico organico

Uno degli obiettivi principali di qualsiasi strategia SEO è quello di aumentare la visibilità del sito sui motori di ricerca, attirando così traffico naturale e mirato. Il numero di visitatori provenienti da risultati di ricerca non a pagamento è il primo indicatore del vostro successo SEO.

Misurare il traffico organico

È possibile misurare il numero di visitatori organici utilizzando strumenti analitici come Google Analytics, che fornisce una visione dettagliata della provenienza del pubblico.

2. Parole chiave ad alte prestazioni

Essere ben posizionati nei risultati di ricerca sulle parole chiave rilevanti per la vostra attività è fondamentale per attirare traffico qualificato. Identificare le parole chiave per le quali il vostro sito ha già un buon posizionamento e quelli che richiedono un'ottimizzazione è quindi un KPI essenziale.

Strumenti per il monitoraggio delle posizioni delle parole chiave

Numerosi strumenti, come Google Search Console o SEMrush, vi permettono di monitorare le vostre posizioni sulle varie parole chiave mirate e di utilizzare queste informazioni per analizzare la concorrenza.

3. Pagine più visitate

Conoscere il le pagine del vostro sito che attraggono il maggior numero di visitatori organici vi aiuterà a capire quali sono i contenuti più popolari e come sfruttare il loro successo per migliorare la SEO del vostro sito nel suo complesso.

Analizzare le prestazioni della pagina

In Google Analytics è possibile accedere a statistiche dettagliate sul traffico per ciascuna pagina nella sezione "Comportamento" > "Contenuto del sito". Qui è possibile vedere il numero di visite, la durata media della sessione e la frequenza di rimbalzo per ogni pagina.

4. Tasso di conversione

Infine, l'obiettivo finale di tutte le azioni SEO è quello di generare conversioniChe si tratti di vendite online, contatti o download. Misurare le conversioni dal traffico organico ci permette di verificare se la nostra strategia SEO sta dando i suoi frutti.

Impostazione degli obiettivi di conversione in Google Analytics

Per monitorare questo KPI, è necessario impostare obiettivi di conversione per il proprio sito in Google Analytics e analizzarne regolarmente l'andamento.

5. Tempo trascorso sul sito

Un altro indicatore della qualità del traffico è il tempo medio trascorso dai visitatori organici sul vostro sito. Se questa cifra è alta, significa che i vostri contenuti sono interessanti e ben referenziati, contribuendo al successo della vostra SEO.

6. Frequenza di rimbalzo

La frequenza di rimbalzo rappresenta la percentuale di persone che entrano nel vostro sito e lo abbandonano senza consultare altre pagine. A bassa frequenza di rimbalzo dimostra che il vostro sito web è attraente, coerente con le aspettative dei visitatori e ben strutturato. Dovrebbe essere monitorato insieme al tempo trascorso sul sito.

7. Backlink

Link in entrata o backlinkI motori di ricerca li considerano come raccomandazioni. Quindi il numero e qualità dei backlink devono essere attentamente monitorati.

Strumenti per l'analisi dei backlink

Utilizzate strumenti come Majestic SEO o Ahrefs per ottenere informazioni dettagliate sui domini di riferimento e sulle pagine specifiche collegate al vostro sito, così come il loro valore in termini di "SEO juice" (o Autorità di dominio).

8. Tasso di clic nei risultati di ricerca

Il CTR (Click-Through Rate) misura il rapporto tra il numero di click e il numero di impressioni (visualizzazioni) del vostro sito nei risultati di ricerca. Un CTR elevato indica che il vostro sito soddisfa le aspettative degli utenti di Internet e che i titoli e le meta-descrizioni sono ben ottimizzati.

Modulo Google Search Console

Per monitorare questo KPI, è possibile utilizzare il foglio "Performance" di Google Search Console, che fornisce informazioni su impressioni, clic, CTR e posizione media per ogni parola chiave.

9. Velocità di caricamento della pagina

La velocità di caricamento di un sito è un fattore di ranking per i motori di ricerca. Una buona velocità garantisce una migliore esperienza dell'utente, che si traduce in un tempo di permanenza maggiore e in un migliore tasso di conversione. Utilizzo Strumento PageSpeed Insights per ottimizzare la velocità del vostro sito web.

10. Indicizzazione mobile-first

Qualche anno fa, Google ha adottato l'indicizzazione mobile-first: i siti ottimizzati per i dispositivi mobili vengono indicizzati in via prioritaria. Pertanto, verificare che il vostro sito sia correttamente visualizzato e funzionale sugli smartphone è ora essenziale per la SEO.

Strumento di analisi mobile di Google

Utilizzate lo strumento di analisi mobile-friendly di Google per valutare la compatibilità con i dispositivi mobili e identificare i potenziali miglioramenti.

Monitorando attentamente questi 10 principali KPI, avrete una visione globale delle vostre prestazioni SEO e potrete regolare la vostra strategia di conseguenza per migliorare la visibilità, il traffico e le conversioni sul vostro sito web.

L'importanza di impostare dashboard SEO

La dashboard è un elemento essenziale per monitorare efficacemente i KPI e ottimizzare le prestazioni SEO.

Centralizza i dati raccolti dai vari strumenti e presenta le informazioni in modo intuitivo.

Elementi chiave da includere nel cruscotto

Principali KPI : Come già detto, assicuratevi di monitorare il traffico organico, il posizionamento, le conversioni, il CTR e la frequenza di rimbalzo.

Dettagli per pagina : Per un'analisi approfondita, vale la pena di monitorare le prestazioni specifiche di ciascuna pagina in termini di traffico, posizionamento e conversioni.

Tempo di caricamento : L'integrazione di questi dati nella vostra dashboard vi consentirà di migliorare costantemente l'esperienza dell'utente sul vostro sito.

Dati geografici : Conoscere l'origine geografica dei visitatori vi aiuterà ad adattare i contenuti e la strategia alle caratteristiche specifiche di ogni regione.

Utilizzo del dashboard per migliorare i risultati

Una volta impostato il cruscotto, è importante utilizzarlo regolarmente per verificare l'evoluzione dei KPI e apportare le modifiche necessarie, individuando i punti di forza e le aree di miglioramento.

A tal fine, confrontate i periodi (mese, trimestre, anno) e i dati tra di essi per valutare gradualmente le prestazioni della vostra strategia SEO.

I cambiamenti osservati nel dashboard vi consentiranno di prendere decisioni informate per migliorare costantemente il vostro referenziamento naturale.

Volete implementare gli strumenti di misurazione SEO?

Trovare un esperto vicino alla vostra azienda per discutere il vostro progetto
blank Acceleratore di prestazioni digitali per le PMI

ContattoAppuntamenti

it_ITIT