Definizione di Google Tag Manager (GTM): la soluzione per una gestione ottimizzata dei tag

Attraverso il nostro Agenzia SEO Ottimizzare 360

Scoprite come Google Tag Manager (GTM) può semplificare il vostro lavoro e migliorare l'efficacia delle vostre campagne di marketing grazie alla gestione dei tag.

In questo articolo, il nostro Agenzia di annunci Google offre una definizione completa di Google Tag Manager e consigli su come sfruttarlo al meglio in termini di monitoraggio delle prestazioni e delle conversioni 

Google Tag Manager

Che cos'è Google Tag Manager?

GTM è un sistema gratuito di gestione dei beacon sviluppato da Google. Viene utilizzato per centralizzare e organizzare tutto il codice e gli script relativi ai tag presenti in un file sito web o applicazione mobile senza dover modificare il codice sorgente.

Questo sistema rende molto più semplice la distribuzione, la personalizzazione e l'aggiornamento dei tag per il tracciamento, l'analisi, la pubblicità e altre funzioni di marketing.

I principali vantaggi di Google Tag Manager

1. Semplificazione del processo di gestione dei beacon

Google Tag Manager consente di gestire facilmente tutti i tag in un'unica pagina. interfaccia utente intuitivo. È possibile aggiungere, modificare e disattivare i tag in qualsiasi momento senza toccare il codice sorgente della pagina. Ciò riduce notevolmente il tempo e l'impegno dedicati alla gestione dei tag, nonché i costi associati allo sviluppo e alla manutenzione degli stessi. manutenzione.

2. Supporto per vari tag e piattaforme

GTM supporta un'ampia gamma di beacon di terze parti, compresi quelli dei servizi di analisi, pubblicità e tracciamento della privacy. conversioni. Inoltre, funziona su più piattaforme, come siti web, applicazioni mobili e AMP (Accelerated Mobile Pages).

3. Sicurezza e affidabilità

La sicurezza è una delle principali preoccupazioni per tutti i proprietari di siti web e applicazioni mobili. GTM offre solide funzioni di sicurezza per proteggere i vostri dati e la vostra privacy. Ad esempio, consente l'uso di liste bianche o nere di tag e variabili autorizzate per impedire l'esecuzione di codice non autorizzato che potrebbe causare problemi di sicurezza.

4. Collaborazione e controllo delle versioni

GTM facilita la collaborazione tra i diversi membri del team offrendo un controllo degli accessi basato sui ruoli, con la possibilità di concedere autorizzazioni specifiche a ciascun utente. Fornisce inoltre un sistema integrato di gestione delle versioni per tenere traccia delle modifiche apportate a tag e contenitori, nonché per ripristinare le versioni precedenti, se necessario.

Come si inizia con Google Tag Manager?

  1. Creare un account Google Tag Manager: Il primo passo consiste nel creare un account GTM utilizzando l'account Google esistente o creando un nuovo account.
  2. Configurare il contenitore: Il contenitore è un elemento principale di GTM, in cui vengono memorizzati tutti i tag e altri elementi correlati. Quando si crea un nuovo account GTM, è necessario creare anche un nuovo contenitore per includere i propri tag.
  3. Installare il codice del contenitore sul sito web o sull'applicazione mobile: Una volta creato il contenitore, è necessario aggiungere il suo codice a tutte le pagine del sito web o dell'applicazione mobile. Il codice deve essere aggiunto subito dopo l'apertura del file <body> per garantire il corretto e rapido funzionamento dei beacon installati tramite GTM.
  4. Aggiungi tag al tuo : Nell'interfaccia utente di GTM, è possibile aggiungere rapidamente e facilmente tag al proprio contenitore, scegliendo tra un'ampia gamma di tag predefiniti disponibili nella galleria dei tag di GTM. È anche possibile configurare tag personalizzati, se necessario.
  5. Anteprima e prova del vostro : Prima di pubblicare i tag, utilizzare sempre lo strumento di anteprima e test integrato di GTM per assicurarsi che tutto funzioni correttamente.
  6. Pubblicate e monitorate i vostri tag: Una volta soddisfatti del funzionamento dei tag, è possibile pubblicarli e iniziare a monitorarne le prestazioni.

Alcuni consigli per ottimizzare l'uso di Google Tag Manager

Ecco alcuni consigli su come ottenere il massimo da GTM:

  • Utilizzare variabili e trigger : Le variabili facilitano il riutilizzo delle informazioni tra diversi tag e i trigger consentono di specificare le condizioni di esecuzione dei tag. Imparate a lavorare con questi elementi per gestire i vostri tag in modo più efficace.
  • Organizzare le etichette: Utilizzate nomi chiari e coerenti per i vostri tag, trigger e variabili per evitare qualsiasi confusione involontaria. Ricordate anche di creare cartelle per organizzare i vostri tag per categoria o funzione.
  • Seguire le raccomandazioni sulle prestazioni : GTM offre una serie di consigli per ottimizzare le prestazioni, come raggruppare i tag con obiettivi simili, utilizzare tag asincroni e rispettare le linee guida sulle dimensioni dei contenitori. Seguite queste raccomandazioni per garantire esperienza dell'utente sul vostro sito web o applicazione mobile.
  • Tenetevi aggiornati con le ultime notizie e gli aggiornamenti: Poiché GTM è in continua evoluzione, è fondamentale tenersi aggiornati sulle ultime funzionalità e miglioramenti per massimizzare l'uso di questo sistema di gestione dei beacon.

In poche parole, Google Tag Manager è uno strumento di gestione dei tag potente ed essenziale che facilita il lavoro di sviluppatori e marketer..

Grazie alla sua interfaccia intuitiva e alle numerose funzioni di sicurezza e collaborazione, aiuta le aziende a monitorare in modo più efficace le loro campagne di marketing e a sfruttare appieno il potenziale di tag e codici per ottimizzare la loro presenza online.

blank Acceleratore di prestazioni digitali per le PMI

ContattoAppuntamenti

it_ITIT