Comprendere il FID: la chiave per ottimizzare la vostra strategia SEO

Attraverso il nostro Agenzia SEO Ottimizzare 360

sul tema : SEO tecnico


Nel mondo dell'ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO), gli indicatori di performance sono fondamentali per valutare e migliorare l'efficacia delle vostre azioni.

Uno degli aspetti più importanti da prendere in considerazione è laesperienza dell'utenteQuesti includono la velocità e la fluidità con cui il sito o l'applicazione vengono caricati e reagiscono alle interazioni degli utenti. FID, o Ritardo del primo ingressoè un criterio essenziale per misurare questo tipo di prestazioni.

In questo articolo analizzeremo nel dettaglio la definizione di questo indicatore e come può aiutarvi a ottimizzare il vostro approccio alla SEO.

FID

Che cos'è il FID?

Il ritardo del primo ingresso (First Input Delay, FID) misura il tempo necessario a una pagina web per rispondere alla prima interazione dell'utente, come il clic su un link, la pressione di un pulsante o l'utilizzo di un controllo di un modulo.

È quindi un indicatore della velocità, ma anche della qualità dell'esperienza utente offerta dal vostro sito. sito web. Più basso è il FID, migliore sarà l'impressione generale dell'utente e maggiore sarà la probabilità che rimanga sul vostro sito e interagisca con altri elementi e pagine.

Perché il FID dovrebbe essere una parte importante della vostra strategia SEO?

La SEO non si limita a ottenere un buon posizionamento nei risultati di ricerca, ma deve anche garantire che i visitatori trovino le informazioni o i servizi che stanno cercando in modo rapido ed efficiente. Una cattiva esperienza dell'utente, soprattutto in termini di velocità, può tradursi in una frequenza di rimbalzo sul vostro sito e spingere gli utenti a trovare alternative presso i vostri concorrenti.

Inoltre, Google ha recentemente introdotto il DIF come uno degli indicatori chiave del suo segnale Vitali webche prende in considerazione diversi fattori legati alla qualità di una pagina web, come ad esempio la sua velocità di caricamentoe la sua reattività all'interazione con l'utente e la stabilità visiva.

I professionisti della SEO devono quindi preoccuparsi della FID per ottimizzare il proprio sito, non solo per offrire una migliore esperienza all'utente, ma anche per soddisfare i requisiti dei motori di ricerca e migliorare il proprio posizionamento nel SERP (Pagina dei risultati dei motori di ricerca).

Come si misura il FID del proprio sito web?

Per valutare con precisione il First Input Delay del vostro sito, vi consigliamo di utilizzare strumenti specifici dedicati a questa funzione, come :

  • Faro : Lighthouse è uno strumento sviluppato da Google, integrato nei DevTools di Chrome, che consente di analizzare le prestazioni complessive di una pagina web, compreso il FID. Fornisce inoltre l'accesso a consigli e raccomandazioni per ottimizzare la qualità del sito.

  • PageSpeed Insights : Quest'altro strumento offerto da Google analizza il vostro sito e genera un rapporto dettagliato che mostra la velocità di caricamento e i problemi che influiscono sul FID e sull'esperienza dell'utente. PageSpeed Insights tiene conto dei dati reali degli utenti, fornendo un quadro preciso del comportamento del sito in condizioni reali.

  • CrUX Cruscotto : Chrome User Experience (CrUX) è un'altra soluzione fornita da Google per tracciare il FID in un cruscotto personalizzato. Questa risorsa consente di monitorare le prestazioni del sito su diversi periodi e soglie di velocità.

Come posso migliorare il ritardo del primo ingresso?

Riduzione del tempo di elaborazione di JavaScript

Le JavaScript è spesso responsabile della lentezza delle pagine web e dell'elevato FID. Questo linguaggio può monopolizzare le risorse del dispositivo durante l'elaborazione, impedendo alla pagina di rispondere rapidamente alle interazioni dell'utente. Per risolvere questo problema, ecco alcune cose da fare:

    • Ridurre al minimo e comprimere i file JavaScript, per ridurne le dimensioni e quindi i tempi di download e di elaborazione.
    • Spostare gli script non essenziali in fondo al file HTMLo eseguirli in modo asincrono (asincrono) o rinviata (rinviare), per ridurre al minimo il loro impatto sulla resa iniziale della pagina.
    • Utilizzate le cache per memorizzare gli elementi ricorrenti e accelerare il caricamento della pagina per le visite successive.

Ottimizzare i file CSS e di immagine

Come gli script JavaScript, le dimensioni eccessive dei file CSS e le immagini possono avere un impatto sulle prestazioni del sito e aumentare il FID. Non esitate a :

    • Ridurre al minimo e comprimere i file CSS per ridurne le dimensioni.
    • Ottimizzate le immagini utilizzando formati adatti al web, regolando le dimensioni e applicando tecniche di compressione senza perdita di qualità.
    • Usare un simbolo " caricamento pigro " (load as you scroll) per le immagini sotto la linea di galleggiamento, per migliorare il tempo di caricamento iniziale della pagina e potenzialmente il FID.

Prevenire gli effetti negativi dei font web personalizzati

L'uso di web font personalizzati può conferire al sito un aspetto unico, ma può anche causare problemi di prestazioni se non sono ottimizzati correttamente. Considerate :

    • Caricare i font in modo asincrono con l'opzione font-display : swapche consente di visualizzare rapidamente il testo in un font sostitutivo mentre il font personalizzato viene caricato in background.
    • Scegliete formati di font moderni e ad alte prestazioni come WOFF2.
    • Limitare il numero di varianti di font a quelle strettamente necessarie, per evitare di sovraccaricare le risorse del dispositivo.

Applicando questi suggerimenti e tenendo presente l'importanza del FID per l'esperienza complessiva dell'utente e per le prestazioni del vostro sito web sui motori di ricerca, sarete sulla buona strada per ottimizzare la vostra strategia SEO e ottenere la massima qualità possibile per i vostri visitatori.

blank Acceleratore di prestazioni digitali per le PMI

ContattoAppuntamenti

it_ITIT