Covid 19. Iniziative alberghiere del Grande e del Piccolo.

  • Inviato da : Fred Pollo
Come fare riferimento al vostro hotel, una ricetta semplice ed efficace
Contenuti
  1. Gli studi alberghieri e turistici sono necessariamente già sbagliati?
  2. Le iniziative alberghiere delle "Grands" e delle catene internazionali
  3. Iniziative alberghiere che possono essere intraprese sia dai grandi che dai piccoli alberghi.
  4. Prendere notizie e dare notizie: l'unico messaggio udibile oggi
  5. Riportare a galla bei ricordi, giocare sulle emozioni positive
  6. Dare un senso al rapporto con il cliente in modo disinteressato (o quasi).
  7. Dare fiducia nel futuro
  8. Intrattenere, divertire... Perché non...
  9. Quali canali di comunicazione dovrebbero essere utilizzati?

Le iniziative degli alberghi e dei tour operator dovranno essere messe in atto nelle prossime settimane e nei prossimi mesi.

Niente sarà più lo stesso, ha detto Emmanuel Macron nel suo ultimo discorso televisivo... Sì, senza dubbio... per la portata e le conseguenze (alcune ancora sconosciute) sia economiche che sociali. Anche sociale.

Oltre ai viaggi d'affari "obbligatori" (clienti aziendali locali), l'esperienza di consumo del settore alberghiero dovrà cambiare, anche solo per ovvie ragioni di salute.

La più grande incognita è il turismo internazionale. Tra l'euforia di una ritrovata libertà di movimento, la necessità di fuggire più che mai, e la paura dei viaggi a rischio, quali saranno gli atteggiamenti dei suoi clienti internazionali, e come si evolverà il mondo del turismo in senso lato.

Uno intelligente che sappia proiettare le tendenze.

Optimize 360, Agenzia SEO specializzata nel mondo del Turismo e dell'Hotel, vi dà qui alcuni elementi di studio, e prospettico così come i primi piani d'azione molto operativi adottati o raccomandati da "grandi e piccoli" di questo mondo.

certificazione coronavirus covid19


Gli studi alberghieri e turistici sono necessariamente già sbagliati?


L'unica cosa che sappiamo per certo di una previsione è che deve essere già sbagliata nel momento in cui viene prodotta...

Cicalino Rosso Ottimizza 360Anche se sono già in atto studi di previsione comportamentale (cfr. Analisi dell'Agenzia Api & You sui comportamenti post contenimento ) ( cfr. ancora da annunciare Extendam ), è molto intelligente prevedere le conseguenze delle decisioni politiche non ancora prese (quando riapriranno gli alberghi e i ristoranti?) Date di riapertura delle frontiere internazionali? )

Questi "pannelli", per avere una virtù lungimirante e un po' di rigore, dovrebbero evolvere dinamicamente secondo decisioni politiche ed eventi concreti al di fuori dell'equazione con almeno questa doppia incognita.

Con un po' di buon senso, possiamo solo supporre che il turismo locale, qualunque siano i paesi del mondo, e il loro grado di deconfinamento e riapertura, sarà privilegiato per mesi a scapito dei grandi viaggi internazionali.

Lo studio e le previsioni della CAT (Confederazione degli attori del turismo) prevedono un calo del turismo dell'85% nei prossimi mesi, da aprile a dicembre 2020.

Tuttavia, sarà necessario essere pronti per la ripresa dell'attività qualunque sia la data di ripresa.

Tuttavia, ci sono già iniziative che sembrano avere un senso e che sono necessarie, dalle catene internazionali agli alberghi indipendenti locali.

 


Le iniziative alberghiere delle "Grands" e delle catene internazionali


Per una volta, il Gruppo Accor sembra essere un precursore in termini di anticipazione degli standard sanitari e qualitativi per la riassicurazione dei suoi clienti.

Gruppo Accor Logo

Accor e Bureau Veritas stanno infatti lanciando un'etichetta basata su misure sanitarie per accompagnare la ripresa dell'attività nel settore alberghiero e della ristorazione.

Potete trovare maggiori dettagli e informazioni sul sito web del Gruppo Accor o nella recente intervista con il suo Presidente per la Francia, Franck Gervais.

È ipotizzabile che le principali catene internazionali siano tutte in procinto di attuare piani d'azione abbastanza simili o, in mancanza di ciò, seguiranno le orme del gruppo Accor.

Non possiamo vedere una singola catena perdere interesse in questo contesto di drastiche misure di sicurezza sanitaria e di allontanamento sociale all'interno di strutture che possono accogliere turisti e un pubblico itinerante.

E al di là delle facilitazioni di pagamento e dei rinvii dei soggiorni già proposti, è difficile vedere quali altre leve di azione potrebbero essere portate a mettere in atto, dato che non sono in grado di pianificare viaggi imprevedibili fino ad oggi.

Tutti questi studi hanno ancora una volta, l'unica virtù del "dito bagnato", dato che non sappiamo nulla di possibili scosse di assestamento epidemiche, e nessun trattamento fino ad oggi (vaccino in mente) è stato approvato all'unanimità.

In termini di iniziative alberghiere a breve termine, l'adozione di misure sanitarie preventive, l'offerta di una politica commerciale flessibile e il tentativo di mantenere il legame e il contatto commerciale sembrano essere le uniche tre leve su cui agire.


Iniziative alberghiere che possono essere intraprese sia dai grandi che dai piccoli alberghi.


Prendere notizie e dare notizie: l'unico messaggio udibile oggi

Mentre COVID-19 si diffonde in tutto il mondo, tutto ciò di cui gli ospiti del vostro hotel hanno bisogno è che gli albergatori continuino a rassicurare, prendere e dare notizie informando i loro ospiti sulle misure sanitarie e commerciali in corso di attuazione.

Tutti cercano di dare un senso a quello che stanno passando, e nei prossimi mesi dovremo tutti essere pronti a scambiarci e a sentirci regolarmente, anzi, a rassicurarci.

Una buona combinazione di strumenti di messaggistica, social network e CRM degli hotel offre ai tre una soluzione per rimanere in contatto e informare sui piani d'azione in corso.


Riportare a galla bei ricordi, giocare sulle emozioni positive

Mentre ci si isola in casa propria, è confortante sentire parlare delle persone e dei luoghi che si conoscono e che si amano.

Ad esempio, l'utilizzo di strumenti di messaggistica e di social network per comunicare regolarmente con i clienti può aiutarli a fuggire per qualche istante, confortarli e aiutarli a pensare al futuro.

Dopo tutto, il fondamento stesso dell'ospitalità è quello di far sentire bene le persone, di compiacerle e di condividerle.

Alcuni hotel a 5 stelle e Palaces hanno iniziato a farlo attraverso i loro conti Instagram, ripubblicando, ripresentando le immagini "Best of" dei soggiorni passati dei loro ospiti.

Alcuni organizzano anche concorsi per pubblicare i ricordi più belli.

In breve, cercano di mantenere il legame emotivo con i loro fedeli clienti, e cercano di farli rientrare nella loro "comunità" di fan e seguaci.


Dare un senso al rapporto con il cliente in modo disinteressato (o quasi).

Questa crisi è un'opportunità per dimostrare ai loro clienti abituali che ci tengono a loro, sia che spendano soldi o meno a breve termine.

Ha perfettamente senso comunicare ora e approfittare del fatto che il personale ha più tempo per scrivere messaggi di supporto, umorismo e incoraggiamento ai propri clienti.

Date anche notizie dei membri dell'équipe, raccontate come stanno tutti in questo periodo di contenimento e come ognuno si sta preparando a modo suo per la fine della crisi.


Dare fiducia nel futuro

Senza arrivare alle misure adottate dai grandi gruppi internazionali per i clienti indipendenti, annunciare quali misure igieniche saranno adottate per garantire la loro protezione al loro ritorno è senza dubbio un "Must Have".

L'ospitalità aggiunge una dimensione umana inestimabile e preziosa in questi giorni di "distanziamento sociale" che vale più della semplice gestione delle spese.

Mettere oggi i propri valori in primo piano stabilendo una linea editoriale rassicurante e premurosa non può che essere benefica e positiva.

Senza di essa, una volta terminato il contenimento, non sarà sufficiente a riportare i clienti a casa.

Una presenza permanente in mente e una voce permanente sarà senza dubbio una garanzia di fedeltà, e anche di conquista di quote di mercato rispetto a chi non lo farebbe.


Intrattenere, divertire... Perché non...

Questo è uno dei punti di vista che Club Med ha adottato inviando ai suoi clienti fedeli newsletter di giochi e di intrattenimento per i bambini dei loro clienti.

Per un hotel indipendente, prendere notizie, dare notizie, e perché non intrattenere la gente, con foto umoristiche, aneddoti, foto o mini video dell'hotel può essere molto utile per tenersi in contatto.


Quali canali di comunicazione dovrebbero essere utilizzati?

Ci sono molti strumenti tecnologici che possono fornire l'opportunità di personalizzare la comunicazione e far sentire i clienti riconosciuti durante questo periodo di inattività.

CRM come Experience Hotel hanno compreso appieno questa necessità di rimanere in contatto e di offrire modelli di messaggi personalizzati da inviare ai diversi segmenti di clientela.

Comunicando con loro ora, in modo del tutto disinteressato (o quasi), è proprio l'occasione per personalizzare un po' di più questo rapporto con il cliente.

I social network, naturalmente, sono anche un ottimo modo per rimanere in contatto nei limiti del Reach organico, dato che i budget pubblicitari e promozionali a mezz'asta non consentono un eccessivo investimento in tempi di tagli di budget.

In termini di iniziative alberghiere, rassicuranti, di contatti e contatti sociali, di flessibilità dei prezzi, sono misure che tutti, grandi o piccoli, hanno (quasi) il dovere di attuare, per mancanza di meglio.



Per qualsiasi informazione, non esitate a contattare i nostri team, o a chiederci un audit gratuito o un preventivo.

Lascia un commento