10 tecniche SEO per scegliere le parole chiave più efficaci

La migliore agenzia SEO ottimizza 360

 

1 - Analizzare il volume delle parole chiave nel vostro settore di attività

È necessario creare il giusto mix tra il "posizionamento di marketing" della vostra offerta e i termini di ricerca utilizzati dagli utenti di Internet.

Questa è la base della strategia SEO che dovrete implementare per voi stessi o per i vostri clienti. Google e i principali motori di ricerca

È necessario mantenere un messaggio e un posizionamento chiari per i propri prodotti o servizi, tenendo conto del modo in cui verranno cercati dagli utenti di Internet sui principali motori di ricerca.

Per farlo, utilizzate i principali strumenti SEO presenti sul mercato:

- SEMrush

- Ahrefs

- Strumento per le parole chiave

- E così via.

E non esitate a costruire le vostre tabelle di cluster di parole chiave SEO rispetto a presunti concorrenti semantici.

Su Google e su altri motori di ricerca, avrete potenzialmente i vostri concorrenti "reali" e i vostri concorrenti "semantici".

10 tecniche SEO per la scelta delle parole chiave

2) Osservare la KD (Keyword Difficulty) per valutare gli sforzi SEO necessari.

Quando si intraprende una strategia SEO, è essenziale valutare la difficoltà delle parole chiave a cui ci si rivolge.

È qui che entra in gioco il concetto di Keyword Difficulty (KD).

Il KD è un indicatore che consente di misurare la difficoltà di posizionarsi nei risultati di ricerca per una determinata parola chiave.
L'osservazione del KD aiuta a valutare gli sforzi SEO da compiere per ottenere un posizionamento soddisfacente.

Il KD è generalmente espresso come un punteggio numerico, che va da 0 a 100.

Più alto è il punteggio, maggiore è la difficoltà. Un KD pari a 0 indica che la parola chiave è estremamente facile da classificare, mentre un KD pari a 100 significa che la concorrenza è feroce e che sarà molto difficile ottenere visibilità per questa parola chiave.

Diversi fattori influenzano il KD di una parola chiave, come il numero di siti web che puntano a questa parola chiave, la qualità e l'autorità di questi siti e la rilevanza dei contenuti esistenti.

È importante capire che le parole chiave popolari e molto ricercate avranno spesso un KD elevato, poiché molti siti web competitivi cercano di posizionarsi per questi termini.

Quando si valuta la KD di una parola chiave, è necessario considerare diversi fattori.

Prima di tutto, date un'occhiata ai siti web che hanno già un buon posizionamento per questa parola chiave. Sono siti autorevoli con contenuti di qualità? Hanno backlink potente?
L'analisi di questi fattori vi darà un'idea della concorrenza che dovrete affrontare.

Pensate poi al vostro sito web e alla sua credibilità agli occhi dei motori di ricerca.

Se il vostro sito è nuovo o ha una bassa autorità, sarà più difficile classificarsi per parole chiave altamente competitive. In questo caso, può essere saggio puntare su parole chiave più specifiche e meno competitive, che vi permetteranno di posizionarvi più rapidamente e di costruire un'autorità nel tempo.

In conclusione, l'osservazione del KD delle parole chiave è un passo fondamentale nella vostra strategia SEO. Vi aiuta a valutare lo sforzo necessario per posizionarvi nei risultati di ricerca.

Tenendo conto della concorrenza esistente, della credibilità del vostro sito web e dei vostri obiettivi a breve e a lungo termine, potete scegliere le parole chiave più pertinenti e raggiungibili, ottimizzando la vostra strategia SEO e massimizzando le vostre possibilità di successo.

 

3. Creare una struttura ad albero del sito web assegnando i ruoli alle pagine dei pilastri e dei sottopilastri.

Quando si progetta la struttura del sito web, è essenziale creare una struttura ad albero chiara e organizzata.

La struttura ad albero del vostro sito determina il modo in cui le vostre pagine sono organizzate e prioritarie, il che ha un impatto diretto sull'ottimizzazione del vostro motore di ricerca e sullaesperienza dell'utente.

Un approccio efficace consiste nell'assegnare ruoli alle pagine pilastro e alle sottopagine del sito.

Le pagine pilastro sono le pagine principali del vostro sito web, quelle che rappresentano gli argomenti o le categorie principali.

Sono le pagine più importanti e strategiche in termini di referenza e visibilità. Devono essere scelte con cura in base alla loro rilevanza per la vostra attività e al loro potenziale di traffico.

Le pagine pilastro fungono da guida per il resto della struttura ad albero e devono essere accessibili dal menu principale del sito.

Assegnando dei ruoli alle pagine dei pilastri, si dà loro maggiore importanza e si facilita la navigazione degli utenti.

Queste pagine devono essere ottimizzate per le parole chiave principali dell'azienda e contenere contenuti di alta qualità, dettagliati e informativi. È inoltre consigliabile aggiungere link interni alle sottopagine e alle pagine correlate per rafforzare la struttura del sito e facilitare la navigazione.

I sottopilastri sono le pagine che supportano le pagine dei pilastri.

Sono più specifici e approfondiscono gli argomenti trattati nelle pagine dei pilastri. I sottopilastri dovrebbero essere collegati alle pagine dei pilastri corrispondenti, rafforzando la coerenza tematica del sito.

Inoltre, offrono l'opportunità di ottimizzare il sito per le parole chiave a coda lunga, attirando un traffico più mirato e qualificato.

I sottopilastri possono essere organizzati con una struttura a cascata, in cui le pagine sono raggruppate sotto le pagine dei pilastri corrispondenti.

In questo modo si crea una chiara gerarchia e si facilita la navigazione degli utenti, consentendo loro di trovare rapidamente le informazioni di cui hanno bisogno.

Pianificando e strutturando il sito web con pagine pilastro e sottopilastri, si migliora l'esperienza dell'utente e si facilita il posizionamento del sito.

Si crea una struttura logica e coerente che facilita la comprensione del contenuto del sito da parte dei motori di ricerca. Inoltre, questo approccio consente di concentrare gli sforzi SEO sulle pagine più importanti e di sfruttare appieno il potenziale del sito.

4.etichettare il sito di conseguenza

Ora che avete progettato una struttura ad albero chiara e organizzata per il vostro sito web, è il momento di etichettarlo di conseguenza.

Un'adeguata etichettatura dei contenuti è essenziale per ottimizzare i riferimenti e migliorare l'esperienza dell'utente.

Uno dei tag più importanti da utilizzare è il tag Hn, che si riferisce ai tag HTML del titolo (H1, H2, H3, ecc.). Ecco alcuni suggerimenti su come sfruttare al meglio questi tag.

    1. Utilizzare un solo tag H1 per pagina: il tag H1 è il più importante e deve rappresentare il titolo principale della pagina. È essenziale utilizzare un solo tag H1 per evitare di confondere i motori di ricerca sullo scopo principale del contenuto.

    2. Gerarchizzare i tag Hn: utilizzare i tag H2, H3, H4, ecc. per strutturare i contenuti in modo gerarchico. Il tag H2 è generalmente utilizzato per i sottotitoli importanti, mentre i tag H3, H4, ecc. sono utilizzati per le sottosezioni successive. Assicuratevi di seguire una struttura logica e di assegnare i tag Hn in modo coerente.

    3. Ottimizzate i vostri tag Hn con le parole chiave: fate un uso oculato delle parole chiave pertinenti nei vostri tag Hn per segnalare ai motori di ricerca il contenuto chiave della vostra pagina. Tuttavia, fate attenzione a non sovraccaricare i vostri tag di parole chiave, perché ciò potrebbe essere considerato una pratica SEO scorretta.

    4. Rendere i tag Hn attraenti per gli utenti: i tag Hn svolgono un ruolo importante nell'aspetto dei contenuti. Assicuratevi di formattarli correttamente per migliorare la leggibilità e l'attrattiva visiva dei vostri titoli e sottotitoli. Utilizzate caratteri adeguati, dimensioni del testo appropriate e layout chiari.

    5. Mantenete il contenuto coerente e pertinente: Assicuratevi che il contenuto dei tag Hn sia coerente con il resto della pagina. Questo aiuta gli utenti a comprendere rapidamente l'argomento e permette ai motori di ricerca di capire meglio il vostro contenuto.

Seguendo questi suggerimenti, è possibile ottimizzare l'uso dei tag Hn sul proprio sito web. Ciò contribuirà a migliorare la struttura dei contenuti, la loro comprensione da parte dei motori di ricerca e l'esperienza degli utenti. Non dimenticate che i tag Hn sono elementi importanti della SEO on-page, quindi usateli con attenzione e in modo strategico per ottenere i migliori risultati.

5) Scrivere contenuti appropriati per la referenziazione SEO

Quando si creano i contenuti per il proprio sito web, è fondamentale scriverli in modo che siano SEO-friendly.

Un contenuto ben ottimizzato vi permette di migliorare la vostra visibilità nei risultati di ricerca e di attirare traffico organico qualificato.

Ecco alcuni consigli per scrivere contenuti che soddisfino i requisiti SEO.

    1. Ricerca approfondita delle parole chiave: prima di iniziare a scrivere, fate una ricerca approfondita sulle parole chiave rilevanti per il vostro argomento. Identificate le parole chiave più popolari, ma anche quelle della coda lunga, più specifiche e meno competitive. Utilizzate gli strumenti di ricerca delle parole chiave per trovare i termini più rilevanti per i vostri contenuti.

    2. Utilizzate le parole chiave in modo strategico: una volta individuate le parole chiave target, integratele in modo naturale nel vostro contenuto. Inseritele nel titolo dell'articolo, nei tag Hn, nei primi paragrafi e in tutto il testo. Tuttavia, fate attenzione a non sovraccaricare il vostro contenuto di parole chiave, in quanto ciò può sembrare artificiale per i motori di ricerca.

    3. Creare contenuti informativi di alta qualità: i motori di ricerca privilegiano i contenuti di qualità che soddisfano le esigenze degli utenti. Scrivete contenuti informativi, pertinenti e unici per il vostro pubblico di riferimento. Evitate contenuti duplicati o generici, perché possono penalizzare la vostra SEO. Offrite un valore aggiunto ai vostri lettori fornendo informazioni utili, consigli pratici, casi di studio o esempi concreti.

    4. Strutturate il contenuto con titoli e sottovoci: utilizzate i tag Hn (H1, H2, H3, ecc.) per strutturare il contenuto in sezioni e sottosezioni chiare. I titoli e i sottotitoli aiutano i motori di ricerca a comprendere la struttura dell'articolo e consentono agli utenti di navigare facilmente tra i contenuti. Assicuratevi che i titoli e i sottotitoli siano accattivanti, informativi e pertinenti.

    5. Ottimizzare i meta-tag: non trascurate l'importanza dei meta-tag, come il tag title e il tag description. Scrivete un titolo accattivante e descrittivo per il vostro articolo, includendo parole chiave pertinenti. Anche il tag description deve essere ben scritto per incoraggiare gli utenti a cliccare sul vostro link nei risultati di ricerca.

    6. Utilizzate link interni ed esterni pertinenti: Aggiungere link interni ad altre pagine del vostro sito web e a collegamenti esterni a fonti affidabili e pertinenti è importante per la SEO. I link interni contribuiscono a creare una solida struttura di link interni, mentre i link esterni aggiungono credibilità ai contenuti e migliorano l'esperienza dell'utente.

6) Misurare l'indicizzazione e i risultati della vostra ottimizzazione per i motori di ricerca nella SERP

Una volta messa a punto una solida strategia SEO, è essenziale misurare l'indicizzazione e i risultati della SEO nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca (SERP).

Questo vi permetterà di capire l'efficacia dei vostri sforzi e di apportare eventuali modifiche. Ecco alcuni metodi per misurare e valutare il vostro posizionamento nella SERP.


    1. Monitoraggio delle classifiche: Utilizzate gli strumenti di monitoraggio delle classifiche per controllare regolarmente la posizione del vostro sito web per parole chiave mirate. Questi strumenti vi permettono di monitorare le vostre posizioni nei risultati di ricerca e di controllare le fluttuazioni nel tempo. Analizzate le tendenze delle vostre classifiche per capire se i vostri sforzi SEO stanno dando frutti.

    2. Analisi del traffico organico: utilizzare strumenti di analisi del traffico come Google Analyticsper valutare il traffico organico generato dal vostro sito web. Osservate le variazioni del traffico nel tempo e guardate le pagine che generano più traffico organico. Questo vi darà un'indicazione dell'impatto della vostra SEO e vi permetterà di identificare le opportunità di ulteriore ottimizzazione.

    3. Monitoraggio dell'indicizzazione: controllate regolarmente l'indicizzazione del vostro sito web utilizzando lo strumento di ricerca di Google, ad esempio digitando "site:yourwebsite.com" nella barra di ricerca. In questo modo verranno visualizzate le pagine del vostro sito che sono indicizzate da Google. Se alcune pagine importanti non sono indicizzate, ciò può indicare problemi tecnici o di ottimizzazione che devono essere risolti.

    4. Analisi dei clic e delle impressioni: Utilizzate la funzione Console di ricerca per ottenere informazioni sui clic e sulle impressioni del vostro sito web nella SERP. Questo vi dà un'idea del numero di volte in cui il vostro sito compare nei risultati di ricerca e del relativo tasso di clic. Analizzate le query di ricerca per le quali il vostro sito si posiziona e ottimizzate i tag title e description per migliorare il tasso di clic.

    5. Monitoraggio delle conversioni: Le conversioni, come le vendite, le iscrizioni alla newsletter o le richieste di preventivo, sono un indicatore chiave dell'efficacia del vostro SEO. Utilizzate gli strumenti di monitoraggio delle conversioni per misurare il numero di conversioni dal traffico organico. Questo vi aiuterà a capire in che modo la vostra SEO sta contribuendo agli obiettivi aziendali.

Misurando l'indicizzazione, le classifiche, il traffico organico, i clic e le conversioni, si ottiene un quadro completo delle prestazioni SEO nella SERP. Queste misurazioni vi aiutano a valutare l'efficacia dei vostri sforzi SEO e ad apportare modifiche per migliorare i risultati. Siate pazienti, perché la SEO è un processo a lungo termine e i risultati possono richiedere tempo.

7. rafforzare i bozzoli semantici con la Long Tail SEO, se necessario.

Quando si lavora alla creazione di bozzoli semantici per il vostro sito web, può essere utile rafforzare questi bozzoli utilizzando la strategia SEO Long Tail. La Long Tail si riferisce a parole chiave specifiche che sono meno ricercate, ma che insieme possono generare un traffico significativo. Ecco come integrare la Long Tail nei vostri bozzoli semantici.

  1. Identificare le parole chiave di coda lunga pertinenti: Iniziate a condurre una ricerca approfondita sulle parole chiave di coda lunga che sono strettamente correlate al vostro tema principale o ai bozzoli semantici esistenti. Queste parole chiave specifiche hanno generalmente meno concorrenza e possono attirare un traffico più mirato. Utilizzate gli strumenti di ricerca delle parole chiave per trovare variazioni di parole chiave, domande specifiche, termini di nicchia e così via.

  2. Creare contenuti ottimizzati per la coda lunga: una volta identificate le parole chiave della coda lunga, create contenuti ottimizzati intorno a questi termini specifici. Scrivete post di blog, pagine di risorse o guide dettagliate che rispondano in modo specifico alle domande o alle esigenze degli utenti associate a queste parole chiave della Long Tail. Assicuratevi di includere le parole chiave della coda lunga in modo naturale nei vostri contenuti.

  3. Strutturate i vostri contenuti intorno ai bozzoli semantici esistenti: Quando create contenuti di coda lunga, assicuratevi che si inseriscano perfettamente nei vostri bozzoli semantici esistenti. Identificate i collegamenti logici e le connessioni tra i vostri contenuti principali e quelli della coda lunga. Utilizzate i link interni per collegare tra loro queste pagine e rafforzare la struttura semantica del vostro sito web.

  4. Ottimizzate i tag title e le meta descrizioni: Quando si punta alle parole chiave di coda lunga, assicurarsi di ottimizzare i tag del titolo e le meta descrizioni delle pagine. Utilizzate le parole chiave Long Tail in questi elementi per aiutare i motori di ricerca a capire la pertinenza dei vostri contenuti rispetto a specifiche query degli utenti.

  5. Analizzare le prestazioni e apportare modifiche: Tracciate le prestazioni delle vostre pagine Long Tail utilizzando strumenti di analisi del traffico e di monitoraggio del posizionamento. Identificate le pagine che generano traffico, conversioni o interazioni positive. Se alcune pagine non soddisfano le vostre aspettative, modificate il contenuto, l'ottimizzazione delle parole chiave o la promozione per migliorare le loro prestazioni.

8 - Rafforzare il vostro referenziamento con una strategia di netlinking mirata

Per migliorare il vostro referenziamento e aumentare la vostra visibilità online, una strategia di collegamento in rete può svolgere un ruolo cruciale.

Il netlinking, noto anche come link building, consiste nell'ottenere link di qualità da altri siti web verso il proprio sito. Ecco alcuni consigli su come incrementare le vostre referenze utilizzando il netlinking. strategia di collegamento in rete efficiente.

  1. Individuare siti pertinenti e affidabili: cercare siti web pertinenti nel proprio campo di attività o in settori correlati. Puntate su siti di qualità, con una buona autorità e una solida reputazione. Questo garantisce che i link ottenuti siano pertinenti e considerati affidabili dai motori di ricerca.

  2. Creare contenuti di qualità per attrarre link in modo naturale: Il modo migliore per ottenere link è creare contenuti di qualità, informativi e utili. Producete post di blog, guide, casi di studio o risorse che suscitino l'interesse degli utenti e incoraggino altri siti a fare riferimento a voi. I contenuti di qualità vengono spesso condivisi e consigliati in modo naturale, il che aumenta il vostro netlinking.

  3. Utilizzare le tecniche di ricerca dei link: Esplorate diverse tecniche per trovare opportunità di link. Cercate nelle directory specializzate, negli elenchi di risorse, nei forum, nei blog, nei social media o nei siti di condivisione dei contenuti. Identificate i siti che potrebbero essere interessati ai vostri contenuti e contattateli per richiedere un link.

  4. Stabilire partnership e collaborazioni: identificare aziende o blogger influenti nel proprio settore e offrire loro partnership o collaborazioni. Queste possono assumere la forma di articoli per gli ospiti, webinar, co-creazione di contenuti o promozioni incrociate. Lavorando insieme, potrete ottenere link di qualità e aumentare la visibilità reciproca.

  5. Siate attivi sui social network e sulle comunità online: i social network e le comunità online offrono l'opportunità di condividere i vostri contenuti e di attirare l'attenzione di altri operatori del vostro settore. Condividete i vostri articoli, partecipate alle discussioni, rispondete alle domande e interagite con gli utenti. Questo può portare a link diretti o a raccomandazioni di link da parte di altri siti.

  6. Monitorate i vostri backlink e cancellate i link indesiderati: utilizzate gli strumenti di monitoraggio dei backlink per monitorare i siti che fanno riferimento al vostro. Assicuratevi che i link siano di buona qualità e pertinenti. Se individuate link indesiderati da siti di bassa qualità o di spam, utilizzate lo strumento di disconoscimento dei link di Google per dire ai motori di ricerca di ignorarli.

9 - Elaborazione di un piano per la rete interna del sito web

Stabilire un solido piano di linking interno per il vostro sito web è una pratica SEO essenziale. Il linking interno consiste nel creare collegamenti tra le diverse pagine del vostro sito, facilitando così la navigazione degli utenti e aiutando i motori di ricerca a comprendere la struttura del vostro sito. Ecco alcuni consigli per creare un piano di linking interno efficace.

  1. Analizzare la struttura esistente del sito: iniziare analizzando la struttura attuale del sito web. Identificate le pagine principali, le categorie e le sottocategorie. Esaminate i collegamenti esistenti e stabilite se è necessario apportare modifiche per migliorare la navigazione e l'esperienza dell'utente.

  2. Identificare le pagine chiave e le pagine pilastro: identificate le pagine chiave del vostro sito web, quelle più importanti in termini di contenuto o di conversione. Sono queste le pagine che volete mettere in evidenza e che fungeranno da punto focale del vostro piano di linking interno. Queste pagine possono essere le pagine pilastro del vostro sito web bozzolo semantico o pagine di destinazione per conversioni specifiche.

  3. Creare una gerarchia logica utilizzando i link interni: una volta identificate le pagine chiave, creare una gerarchia logica utilizzando i link interni. Utilizzate i tag title (H1, H2, H3) per strutturare i contenuti e renderli più comprensibili ai motori di ricerca.
    Inserite link interni pertinenti nei vostri articoli e nelle vostre pagine per collegare le diverse sezioni e fornire ulteriori informazioni.
  4. Utilizzare ancore di testo ottimizzate: Quando si creano link interni, utilizzare ancore di testo ottimizzate. Le ancore testuali sono il testo cliccabile che visualizza il link. Utilizzate parole chiave o frasi descrittive pertinenti per aiutare i motori di ricerca a capire la rilevanza del link. Evitate ancoraggi di testo generici come "clicca qui".

  5. Privilegiare la facilità d'uso e l'esperienza dell'utente: quando create il vostro piano di linking interno, date sempre la priorità alla facilità d'uso e all'esperienza dell'utente. Assicuratevi che il vostro sito sia facile da navigare e che gli utenti possano trovare facilmente le informazioni che cercano. I collegamenti interni devono essere logici e intuitivi, consentendo agli utenti di spostarsi in modo naturale da una pagina all'altra.

  6. Aggiornate regolarmente il vostro piano di linking interno: il vostro piano di linking interno non è definitivo. Deve essere aggiornato regolarmente per riflettere le nuove pagine, le modifiche ai contenuti e l'evoluzione del vostro sito web. Continuate ad analizzare e ad adeguare il vostro piano di linking interno in base alle esigenze del vostro sito e alle nuove opportunità di link interni.

Elaborando un piano di linking interno coerente ed efficace, potete migliorare la struttura del vostro sito web, rendere più facile per i visitatori trovare ciò che stanno cercando e trovare ciò che stanno cercando.

10. Assicuratevi di spingere la consapevolezza attraverso i social network.

I social network svolgono un ruolo essenziale nel promuovere e far conoscere il vostro marchio online. Creare consapevolezza attraverso i social network vi permette di raggiungere un vasto pubblico, generare coinvolgimento e rafforzare la vostra presenza online.

Ecco alcuni consigli per ottimizzare la vostra strategia di social networking.

  1. Scegliete le piattaforme sociali giuste per il vostro pubblico: identificate le piattaforme sociali in cui si trova il vostro pubblico target. Che si tratti di Facebook, Twitter, Instagram, LinkedIn, YouTube o altro, concentrate i vostri sforzi sulle piattaforme più rilevanti per il vostro settore e il vostro pubblico. In questo modo massimizzerete la vostra portata e il vostro impatto.

  2. Creare contenuti attraenti e coinvolgenti: Per catturare l'attenzione del pubblico e incoraggiare il coinvolgimento, create contenuti attraenti e di alta qualità. Utilizzate immagini accattivanti, video interessanti, infografiche informative, aneddoti coinvolgenti, sondaggi interattivi, ecc. Assicuratevi che i contenuti siano rilevanti per il vostro pubblico e in linea con il vostro marchio.

  3. Siate coerenti nella vostra presenza e nel vostro branding: mantenete una presenza coerente sui social network utilizzando un'identità visiva e un tono di voce coerenti con il vostro brand. Utilizzate elementi grafici riconoscibili, come il vostro logo, colori e caratteri specifici. Questo rafforzerà la consapevolezza del vostro marchio e aiuterà il vostro pubblico a identificarvi facilmente.

  4. Impegnatevi con il vostro pubblico: non limitatevi a pubblicare contenuti, ma impegnatevi attivamente con il vostro pubblico. Rispondete ai commenti, ai messaggi diretti e alle menzioni. Fate domande, incoraggiate le conversazioni e create un rapporto solido con la vostra comunità. In questo modo si crea fiducia e fedeltà con il pubblico.

  5. Collaborare con influencer e partner: identificare influencer e partner rilevanti nel vostro settore e stabilire collaborazioni. Possono aiutarvi ad aumentare la vostra portata e a raggiungere nuovi pubblici. Organizzate partnership, promozioni incrociate o campagne congiunte per aumentare il vostro profilo e la vostra credibilità.

  6. Utilizzare pubblicità mirate: Gli annunci sui social network possono essere un modo efficace per sensibilizzare un pubblico mirato. Utilizzate le funzioni di targeting delle piattaforme sociali per raggiungere gli utenti che corrispondono al vostro pubblico ideale. Utilizzate messaggi di forte impatto e immagini attraenti per catturare l'attenzione e generare interesse.

  7. Misurare e analizzare i risultati: utilizzare gli strumenti di analisi forniti dalle piattaforme sociali per misurare l'efficacia della strategia di brand awareness. Tracciate statistiche come il numero di follower, l'engagement, ecc.
blank
L'autore

Frédéric POULET è il fondatore dell'agenzia SEO Optimize 360. Dopo 20 anni in grandi gruppi, ha fondato Optimize 360 per mettere il know-how dei grandi gruppi al servizio delle PMI.
blank Acceleratore di prestazioni digitali per le PMI

ContattoAppuntamenti

it_ITIT